Blog

Currently showing blog posts tagged software. For all blog posts, please click here.

Un congresso di geoscienziati? (alias: EGU #1)

Ho vari amici e conoscenti al di fuori della cerchia del lavoro con cui spesso mi ritrovo a parlare delle mie attività. Ogni volta – sorprendentemente – scopro quanto sia poco semplice raccontare quello che si fa a questi congressi  o meeting a cui ogni tanto partecipo.

Avendo già gettato la spugna sul tentativo di rispondere alla fatidica domanda “che lavoro fai?” posta dai  non addetti ai lavori di età superiore a 70 anni  (“…lavoro in EPOS, un progetto Europeo che si occupa delle integrazione delle infrastrutture di ricerca per le scienze della terra, ora mi occupo della raccolta dei metadati per la creazione del catalogo che permettarà la discovery e l’integrazione dei dati” ho provato a dire, e seguivano sguardi basiti, degli “ah però, interessante” detti con evidente meccanicità e altre scene che vi risparmio), tento allora di illustrare come funziona un congresso come l’EGU.

eguriflessionisoftwaretecnologytecnology & ICTvita


Read More

Software Open Source o proprietario? Per rispondere ci vuole una cultura del software?

Riporto questo articolo scritto qualche tempo fa sul blog “STOP” di Marco Fioretti

Lavoro oramai da anni nell’ambito della ricerca ed ho avuto la possibilità di usare e sviluppare software sia open source che proprietario. Al momento uso e sviluppo prodotti “free”.

Cerchiamo di vedere la questione dal punto di vista dello sviluppatore. In generale sono d’accordo con le considerazioni fatte dai primi due commenti all’altro articolo:

  1. si deve avere ben chiaro prima il modello di business
  2. bisogna farsi i conti, capire da quale base (o da quali risorse, più in geerale) si parte (scusate ma la citazione mi viene spontanea: “Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento”… Lc 14, 25)

Aggiungo alcuni elementi per la discussione:

Un punto da considerare, fondamentale, è la comprensione del fatto che il software free non funziona da solo, non e’ eterno, ci si deve lavorare sopra continuamente!(parlo di applicazioni un minimo elaborate, non il programmino per indovinare il codice fiscale!) Questo è quello che permette agli sviluppatori free di guadagnare. Altrimenti è chiaro che i creatori di Free Software potrebbero solo essere filantropi. Il software che producono deve essere installato, aggiornato. Il personale che lo usa ha bisogno di formazione. L’utente potrebbe fare delle richieste particolari diverse dal software base su cui lo sviluppatore può guadagnare (a fronte del lavoro fatto).

ICT & Webopen sourcesoftwaretecnology


Read More

Iscriviti

Ricevi i post nella tua email

Il tuo indirizzo: