Blog

Il più grande uomo scimmia del pleistocene

Fa strano immaginarsi diluvi universali, lotte con le fiere e scalate di vulcani alla ricerca del fuoco, mentre si sta sbragati su uno scoglio a respirare l’odore di mare pulito, girati sul fianco con l’avambraccio sotto l’orecchio, a nascondere il volto dall’abbagliante riverbero del sole.
Ma leggendo Roy Lewis è praticamente inevitabile.
Questa estate, ingurgitato dal libro e proiettato in questa dimensione parallela, con la manopola del tempo girata indietro di alcuni milioni di anni, ho spiato da vicino le vicende di Ernest e la sua famiglia. Sorridevo agli episodi assurdi che li coinvolgevano, mi rattristavo con loro per le difficoltà, mi gasavo quando, scoperto il fuoco, sono riusciti a conquistare le caverne e tenere a bada bestie più grandi di loro.
Ma soprattutto ho unito tanti puntini. Tante di quelle che un approccio post-ideologico mi ha suggerito – nel passato – essere “sovrastrutture borghesi” o “invenzioni del clero per mantenere il potere” si sono rivelate null’altro che tappe naturali nella storia dell’evoluzione umana. Mi vengono in mente ad esempio la nascita dei miti, Adamo, Eva, il diluvio universale, l’Eden. Oppure la struttura delle società e i vari ruoli nella tribù – vale a dire il futuro stato. O ancora, l’amore. Oh si, l’amore, quello vero, il sesso senza pornografia, senza le sovrastrutture e anche un po’ inconsapevole.
Infine una nota personale: la lettura in parallelo di questo libro e “Homo Comfort” di S. Boni ha generato un’alchimia interessante. Mentre il primo canta odi all’evoluzione e alle conquiste – soprattutto tecnologiche – dell’uomo, il secondo la mette seriamente in discussione puntando il dito sull’onnipresenza tecnologica. Leggendo quest’ultimo mi ero un po’ depresso.
Per fortuna c’era l’uomo scimmia del pleistocene a tirarmi su: una pietra miliare, uno di quei libri da leggere una volta nella vita.

antropologialetturapleistocenepreistoriarecensionescimmie


Read More

Enhancing Research Infrastructures with VRE4EIC components: the EPOS success story

(This article was originally written for VRE4EIC Newsletter. Follow this link to the original source).

 

The European Plate Observing System (EPOS) highlights how its research infrastructure has become more efficient and user friendly by utilizing technology developed in the frame of the EU H2020 VRE4EIC project.

In the last decades quite an amount of tools, technologies and software has been developed to support and improve research throughout the entire data lifecycle[1]. This includes software, modeling tools, and even code that can be used and re-used by researchers around the world. However, more and more emphasis has been given to the structural components that enable a Research Infrastructure[2] to be sustainable, robust and, even most importantly, compliant to the FAIR principles[3]. Such principles prescribe–in order to enable reproducible science–that data need to be findable, accessible, interoperable and reusable. It is usually up to research infrastructure designers, developers and managers to find the best architecture and technologies to enable FAIR to become reality in their scientific domain. However, looking transversally at science domains, it is clear that there is a number of challenges common to several communities, as evidenced by the common requirements elicitation and analysis of existing technical assets carried out both in the VRE4EIC and ENVRIplus project[4].

In this framework, VRE4EIC is promoting the adoption of common, standard technical solutions in order to facilitate  Research Infrastructures in facing shared challenges and thus complying with FAIR principles.

This is the case of the European Plate Observing System (EPOS), a Distributed Research Infrastructure long-term plan to facilitate integrated use of data, data products, and facilities from distributed research infrastructures for solid Earth science in Europe.

In order to enable accessibility (the “A” of FAIR), the EPOS central hub, that provides access to a wealth of different types of data and services from communities, had to implement appropriate Authorization mechanisms. Such mechanisms are usually referred to as “AAAI”, which stands for Authentication, Authorization, and Accounting Infrastructure. Instead of creating such an infrastructure “from scratch”, EPOS took advantage of the existing VRE4EIC “AAAI Service”[5] building block. This component provides a “plug-and-play” solution for the authentication of users, and in addition it integrates different authentication mechanisms from various AAI providers (e.g. EDUGAIN, Facebook, Google and others) in one single system. Due to its integrability into service-based architecture, it can be easily plugged into micro-services-oriented architectures[6], such as the one of EPOS.

Figure 1: Example of integration of VRE4EIC Authentication services (AAAI) into EPOS central hub Graphic User Interface (GUI). The login box is rendered on the EPOS GUI, but actually managed and ran by VRE4EIC Authentication service building block. Such component is part of the VRE4EIC prototype and runs on VRE4EIC servers made available by project partners (in this case CNR ISTI – Pisa).

 

The EPOS User Interface is presented in Figure 1. It enables the discovery and search of datasets in the solid Earth domain, which includes several communities such as Seismology, GPS, satellite data, volcanic observatories and others. An authentication widget is also available for access to specific dataset. The authentication in this case is managed by the VRE4EIC AAAI service component, that is simply “plugged-in” into EPOS main system.

Starting from this first pilot, EPOS has also benefitted from VRE4EIC studies and developments in other fields. For instance for the workflow management and the metadata system architecture (both projects use the CERIF[7] model).

The EPOS use case has several important implications. The first one is that this pilot has demonstrated the suitability of the strategy adopted by VRE4EIC for supporting and enhancing e-Research Infrastructures, in particular with respect to the AAAI service.

The second one, related to research infrastructure sustainability, is that it saved efforts in integrating authentication services on EPOS, with all related technical and security issues, not to counting the development efforts that were optimized by adopting an EU-funded solution.

Third, on the user side, it allows end users to access through existing credentials from Facebook, eduGAIN, and other Identity Providers, to log in easily to EPOS or any other Research Infrastructure enhanced by VRE4EIC Authentication service.

Now, a future-oriented exercise is due: imagine that many other research infrastructures would use such shared solutions produced by VRE4EIC. How much development and sustainability efforts would they save by integrating in an easy way metadata catalogue services, AAAI services, and other common solutions?

The answer is not trivial, also because other players are available on the EU landscape. However, the expertise brought in by a pool of scientist and engineers in VRE4EIC, strongly connected with the communities, and with skills in the integration of several research infrastructures in various domains, is doubtless precious and capable of optimizing the technical dimension and sustainability, as demonstrated by the EPOS pilot.

 

[1] For an overview of the Data Lifecycle see https://www.dataone.org/data-life-cycle

[2] Definition of Research Infrastructure by EU funding body https://ec.europa.eu/research/infrastructures/index.cfm?pg=about

[3] M. D. Wilkinson et al., “The FAIR Guiding Principles for scientific data management and stewardship,” Sci. Data, vol. 3, p. 160018, 2016.

[4] “ENVRIplus is a Horizon 2020 project bringing together Environmental and Earth System Research Infrastructures, projects and networks together with technical specialist partners to create a more coherent, interdisciplinary and interoperable cluster of Environmental Research Infrastructures across Europe”. “Theme 2” deliverables report an overview of common elements and requirements in the various Environmental Research Infrastructures http://www.envriplus.eu/deliverables/

[5] More information about the VRE4IEC AAAI building block can be found here https://www.vre4eic.eu/images/Public_deliverables/D3.3_Building_Blocks.pdf

[6] A extensive compendium about Microservices architecture and techniques can be found in S. Newman, Building Microservices. O’Reilly Media…

[7] CERIF stands for Common European Research Information Format, see https://www.eurocris.org/cerif/main-features-cerif and https://www.eurocris.org/eurocris_archive/cerifsupport.org/cerif-in-brief/index.html

aaaieposeuropemyjobResearch Infrastructurerivre4eic


Read More

Invidia il prossimo tuo – John Niven

Avevo un pensiero ricorrente durante la lettura di questo libro. Scorrevo le righe, le pagine e mi dicevo: “bello ma cinico”.
Bello, poiché Niven è senza dubbio un grande scrittore, dalla prosa fluida, ironico, capace evocare immagini originali.
Cinico, poiché sembrava si basasse sulla canonica triade di valori “soldi, successo, sesso” dai quali dovrebbe dipendere il mondo.

E invece… è riuscito a stupirmi con la narrazione di questa amicizia travagliata tra due compagni di scuola oramai più che quarantenni. Uno sul treno della vita alto borghese, l’altro sul pullman sgangherato dell’ex rock-star in declino.

Diversamente brillante rispetto a “A volte ritorno”, ma forse più profondo.
Se lo si sa cogliere per il verso giusto, è un libro che fa riflettere.

E mi piace chiudere con la stessa conclusione dei feedback più beceri su AirBnb: “consigliatissimo!” 🙂

Scheda libro su Anobii: http://www.anobii.com/books/Invidia_il_prossimo_tuo/9788806236526/01668791898a2fb3dd

E voi, lo avete letto? Cosa ne pensate?

anobiiinvidia il prossimo tuojohn nivenlibrirecensione


Read More

Come avere milioni di follower su Instagram: 10 principi infallibili

Guardando qua e la, esaminando me stesso, parlando con amici e colleghi, ho scoperto che la sete di like – quel cuoricino e quel pollice alzato che ci gratificano un po’ nel grigiume di alcune giornate – è una patologia trasversale.

Attraversa ceti sociali, differenze di genere, livelli culturali normalmente distanti, diversi stati di vita: dal prete al professore, dal macellaio all’adolescente, dalla massaia al tassidermista, tutti cercano l’altrui plauso, almeno un po’.

10 principichiara ferragnifacebookfollowerfollower how toICT & Webinstagramlikemetodonetworksocial


Read More

How Research Infrastructures can take advantage of interoperable VRE building blocks

Well, it’s weird: I’m at the same time proud and shy about the video we released in the framework of VRE4EIC project.

It was funny: I had just landed at Schipol airport and then rushed to TUDelft university… and I found myself at the New Media Center in front of a camera, in a soundproof studio with a bright-green background, just a few people watching (or staring at? :)) me behind the soundproof glass and I had to start talking with my south European English accent (that’s the embarrassing part :))

Well, I think I realized how fishes feel in their fish-bowls!

By the way, the people from the studio were great and patient, and they explained clearly how it would work. So we just had to leverage on the huge work we did previously, that is to say the preparation of the video – lecture.

The topic of the videos is How research Infrastructures can take advantage of interoperable VRE building blocks.

In the first part I explained what research infrastructures are, what distributed research infrastructures can provide to users, and what is their governmental and technical organisation. Real examples were be done by discussing the EPOS use case.

In the second part the focus was on how interoperable building blocks developed in the framework of VRE4EIC can be used to enhance Functionalities of Research Infrastructures. An example was be illustrated by discussing and analysing the EPOS use case.

PART 1

PART 2

I hope you enjoy the two videos.

eposlavorolectureslezioniResearch Infrastructurevideovre4eic


Read More

Come sgominare i parassiti statali

Sono recentemente tornato da Edimburgo, città che oltre ad essere piovosa e pittoresca, ha ospitato una conferenza sui Virtual Research Environments, argomento oscuro ai più e soprattutto impossibile da spiegare a nonna quando mi chiede «Ma di che parlate quando fate queste riunioni?». Ora, quando dico «nonna» non fate l’errore di immaginare una novantacinquenne mansueta e rimbambita. Lei è semplicemente la punta di diamante di una generazione che ha attraversato – rinforzandosi – una guerra, il sessantotto, il boom economico, canale cinque, Mike Buongiorno, le soap opera e Young Signorino: è sveglia, ha sempre la risposta pronta, impossibile da ingannare, abile nel raggirare, arduo piegarla alla propria volontà. In pratica un caterpillar. E’ su questi soggetti che dovrebbero fare i film. Robocop e i supereroi della Marvel a confronto sembrano verginelle alla prima notte di nozze.

burocraziahumourPAparassitipubblica amministrazionestatoumberto ecoumorismo


Read More

Alieni sul GRA :: #musical snippet

No, pazzesco. Giuro non è una bugia. Non è lo Xanax. E nemmeno la carbonara che ieri sera non ho digerito.

C’erano davvero. Verdi con la pelle raggrinzita. Odoravano di asettico, di ospedale. Non ho avuto il coraggio di guardarli in faccia ma… ragazzi… si sentiva che loro erano lì, e ci guardavano.

Noi nelle nostre piccole automobili – sì piccole, piccolissime, anche i SUV erano delle caccolette a confronto –  e loro lì. In quella nave mastodontica. E poi la luce, il casino. Solo a tratti però. In realtà per pacchetti di alcuni secondi c’era un silenzio profondo. Mi sentivo il cuore pensa tu.

Con quel casino che c’è sul GRA – dico. Ma che ci sono venuti a fare gli alieni?

electronicgrajuicylogic pro Xmusicsynth


Read More

Quiet Call – lo Squire in azione #musicalsnippet

Entro e.. lui stava lì: poverino.
Ce n’erano tanti altri come lui. Lì su. Appesi. Sembravano impiccati. Condannati ad una mortale solitudine.

Non me la sono sentita di lasciarlo nel suo stato di abbandono. Già lo sentivo vicino a me. Col suo profilo sinuoso, era perfettamente compatibile col mio avambraccio.

E quindi via. Mi sono comprato uno Squire, che per chi non lo sapesse è un basso.

Suono pazzesco per il prezzo (400 eur), eccolo qui alla prova in un pezzo ambient.
Un altro #musicalsnippet. 
Buon ascolto


Read More

Dio c’è e gli piacciono i Coldplay: I want something just like this.

I Coldplay – band alternative rock oramai assieme sin dal 1997 – ci sorprendono ancora con un pezzo che ha popolato le top 10 di radio, televisioni e emittenti internet europee e statunitensi. Stiamo parlando del singolo composto in collaborazione con i ChainSmokers (gruppo elettronico  – quasi house – che pompa davvero), dal titolo Something just like this.

Pochi accordi, una linea melodica semplice, anni di esperienza, tanta stoffa compositiva e un grande lavoro di mixing e… eccaallà: ci ritroviamo in macchina o sotto la doccia a fischiettarne il motivetto o a canticchiare qualche parola carpita qua e là, mentre svolazzava nell’aria sul percorso tra le casse e le nostre orecchie.

Già: le parole. Il testo. Le lyrics. Ma cosa dice questo pezzo?

E’ una storia epica, sublime, commovente. Una storia che tanti di noi vivono quotidianamente. Una storia di tante coppie, di innamorati, di fidanzati, di mariti, di mogli.

La storia di un uomo che  si confronta con miti di supereroi, di forza, di dominio e di superamento dei propri limiti. E allo stesso tempo nota la propria inadeguatezza, il suo non essere “upon that list”, sulla lista dei big, dei superman con talenti eccezionali, quelli che salvano la terra con azioni eclatanti.

E anche la storia di una donna, che osservando il travaglio dell’uomo, la sua spinta verso la sfida, forse la sua frustrazione, chiede:
ma rifletti sulla direzione che vuoi prendere, quanto hai voglia di rischiare? Dove vuoi andare?
Guarda che io non cerco il supereroe, il mito [il superfigo,ndr], cerco qualcuno a cui rivolgermi, qualcuno su cui contare, qualcuno da baciare, qualcuno che mi manchi: voglio proprio qualcosa del genere.

I want something just like this: un uomo che mi ami. Un uomo che io possa amare.
Ecco, una storia ordinaria. Un comunissimo promemoria.
Una freccia accesa verso la vocazione fondamentale di tutti – amare – declinata nella coppia.
Un “reminder vocazionale” che ci viene sparato nelle orecchie centinaia di volte al giorno.

E che mi commuove perché mi ricorda che è tutto un po’ più semplice, e che i supereroi ci sono sì, ma stanno nei film della Marvel.

I want something just like this. Qualcuno che mi ami, qualcuno da amare. E’ tutto qui.

…mah… poi dicono che Dio non parla nella vita di tutti i giorni… sarà…

 

HEADER IMAGE BY Di Guy Hurst (guy hurst) on Flickr (“Coldplay – Glastonbury 2016”) [CC BY 2.0], attraverso Wikimedia Commons


Read More

Iscriviti

Ricevi i post nella tua email

Il tuo indirizzo: