Blog

Currently showing blog posts in June 2015. For all blog posts, please click here.

Metadata and Borkering – a modern approach #2

The second episode of metadata and brokering.
Topics covered:
1. additional definition (ontology, relational database and others)
2. the wide picture: What’s the data fabric, data fabric elements from Research Data Alliance (RDA) and possible concrete implementations of RDA guidelines.


Read More

Direttamente dal passato “A real human being” – by electric youth

Vengono dal passato, sono sicuro.
Ma hanno fatto successo solo nel 2014 con il film “Drive” (consigliatomi come sempre dal mio videotecaro di fiducia, mr. Agluu).

Si tratta degli Electric Youth, due canadesi che hanno risuscitato sonorità from the 80’s. Però sono così fighi che mettono la loro musica su soundcloud, aperta a tutti.

Il pezzo seguente fa parte della soundtrack di Drive, ed è di quelli che ti si piantano in testa e vanno via dopo due settimane.

Sarei curiosissimo di sapere se per fare questo popo’ di musica usano strumenti analogici di vent’anni fa o tonnellate di samples e moderni synth.
Ma per stasera mi terrò il dubbio.

Good night.

Per rimanere aggiornati sulla band: http://electricyouthmusic.com/

header image Di Curtis Fockele [CC BY 2.0], attraverso Wikimedia Commons


Read More

Le donne di Lisbona hanno bei polpacci…

…ma anche gli uomini, i bambini, gli anziani… insomma tutti, anche noi (io e Lucignolo, il mio cicerone di fiducia nelle trasferte estere).

Ora la domanda è: perché tutte questa speciale attenzione al polpaccio sebinonelico?
E’ una caratteristica dei portoghesi? (bho… forse)
E’ semplicemente una mia fissa? (si lo è, ma questo è un altro discorso)
E’ la moda dell’anno? (non mi pare)

La risposta è che l’attenzione a questa parte del corpo affonda le sue radici in una esperienza inizialmente straziante: immaginate di arrivare la mattina dall’aeroporto, coi mezzi pubblici, armati trolley (eh…sono finiti i bei tempi dello zaino da inter-railer) e di scoprire che la strada dal tram all’alloggio si sviluppa in direzione quasi verticale. Sulle prime sembra uno stradello in salita pieno di sanpietrini, poi ci si rende conto che il sanpietrino – già giurato nemico del trolley che per non sganganare le rotelle deve essere caricato sulle spalle – si esaurisce gradualmente in una serie illimitata di gradini.

Gradini. Scale. Corrimano. Cordoli di marmo. E ancora altri gradini.
Scalette. Rialzi. Curvette. Sanpietrini. Rientri. Sbalzi. Gradinate. Scalinate.

La strada verso casa si sviluppa attraverso quegli angusti e caratteristici vicoli che affiancano case piastrellate di maioliche, porte che si aprono su edifici instabili, piazzette con ‘locals’ al bivacco. E mentre il fiatone mi rende cianotico cerco di ammirare questo bundle di bellezza.

Arrivato sulla soglia dell’alloggio abbandono pesantemente la valigia sul terreno sanpietrinoso e mentre mi appoggio allo stipite del portone per riprendere fiato e lasciare che il sangue defluisca nuovamente verso le gambe per irrorare i polpacci, il mio collega mi informa che siamo al terzo piano.
Senza ascensore ovviamente.

Rassegnato alla mia sorte, pronto ad installare un pace maker una volta rientrato a Roma, mi avvio per l’ultimo brano della mia ascesa, giurando di non muovermi più per altre 48 ore.

…E infatti nemmeno un’ora dopo – tempo di una doccia – rieccoci fuori a battere inesorabilmente le strade di Lisbona, evitando come la peste i luoghi ingolfati da turisti.

 

Chilometri a piedi su e giù per le scale di Lisbona, miglia a promenarsi along infinite alleys, per tutti i cinque giorni di trasferta. Sempre trasportandosi il peso della fatica della giornata di lavoro sulle spalle, manco fosse l’Armadillo di Zerocalcare.
Visto che il tempo a mia disposizione si sta esaurendo, indico solo due posti davvero carini e allego un po’ di foto delle sante scale lisboniche.

1. Il cinese illegale

IMG_20150522_223423Un posto che ti chiedi: come hanno fatto a pensarci? Come gli è venuto in mente?
Si tratta di una casa normalissima, in cui i muri sono stati buttati giù per fare spazio… ad un ristorante cinese. Tutto ovviamente illegale: si entra da un normale portone, si salgono le scale, si arriva nella sala coi tavolini. Un posto fuori dal mondo, con cibo buono. Ma il cinese è sempre cinese, e la notte er fritto s’è fatto sentì!
Ecco un post carino che indica come arrivarci

2. Chapito a Mesa

IMG_20150521_001206Vabbè, qui si tratta un grande classico: il pubbetto che fa anche cene, un posto carino… ma aspetta. Da dove si entra?
Si tratta in realtà di un centro culturale in cui si fanno spettacoli e performances artistiche. I prezzi sono buoni, il luogo caratteristico… e poi insomma, ve lo googlate e ne parlano in tanti, senza che mi ripeto 🙂

Bene mi pare tutto e posso anche salutarvi.

 

A proposito: alla fine della trasferta i polpacci mi si sono rivitalizzati, zompavo grillescamente su e giù per le scalinate, il fiato si era fatto più lungo e i polmoni avevano riacquisito la loro originale capacità volumetrica.
Bell’allenamento, ‘ste scale.

 

 


Read More

#italiasicura

Recentemente ho scoperto il portale #italiasicura, che viene definito come

La mappa dei cantieri antidissesto, i nuovi dati aperti con le opere contro frane e alluvioni comune per comune e lo stato delle emergenze regione per regione.

Mi pare un tool interessante da vari punti di vista. Certamente è anche una operazione politica per dimostrare cosa il governo sta facendo. Ma senza entrare nel merito, mi pare comunque che si tratti di un tool ben fatto, con statistiche interessanti (sapevate ad esempio che i danni subiti dal patrimonio pubblico e privato ammontano a c.ca 3Miliardi di euro?).

Altri due aspetti interessanti

1 Openadata

ISTAT, Protezione civile e ISPRA sono i tre fornitori di dati per questo tool. Ma attenzione, i dati sono tutti OPEN! Finalmente quindi un tool che aggrega dati open “sparsi” per la rete… l’auspicio è che presto altre istituzioni pubbliche accettino la sfida dell’open data aprendo i loro archivi in maniera intellegibile anche a delle macchine (@INGV ci riusciremo?).
http://mappa.italiasicura.gov.it/#/opendata

2. Opensource

I creatori di questo tool meritano un po’ di complimenti: osservando la lista dei tool opensource usati risulta evidente che non si sono fissati e focalizzati su una tecnologia (quello che chiamo il geek approach) ma hanno usato un approccio modulare usando tecnologie diverse per scopi diversi. Quindi per far girare il portale si passa da tecnologie basate su python a Java, javascript, openlayers… insomma, tanti “oggetti tecnologici” tutti ben integrati.
Complimenti!
http://mappa.italiasicura.gov.it/#/opensource

Concludendo

Complimenti per il tool, almeno dal punto di vista tecnico. L’auspicio? Che si possa sfruttare ancora di più l’opendata e che le istituzioni “aprano” i loro archivi in maniera efficiente (no fuffa, please).

http://mappa.italiasicura.gov.it/

 


Read More

Iscriviti

Ricevi i post nella tua email

Il tuo indirizzo: